Acid trip: viaggi nel mondo dell’aceto a cura di Michael Harlan Turkell

Inviato 12 settembre 2017 -> Aceto, Joško Sirk, La Subida, Scrivono di noi


Acid trip è un virtuoso volume sul mondo dell’aceto scritto dall’autore Michael Harlan Turkell. Un incredibile viaggio attraverso tutti i continenti per raccontare le tantissime varietà di questo prodotto, con accurate descrizioni, ricette di cucina e interessanti consigli per realizzare anche drink e cocktails (ovviamente a base di aceto!). La sezione dedicata all’Italia è orgogliosamente rappresentata dagli Amici Acidi di cui fa parte anche Josko Sirk e il suo aceto.

Uno speciale ringraziamento all’autore per il grande impegno profuso e… buona lettura!

 

acidtrip_1

acidtrip_2

acidtrip_2

 

Fancy Food Show 2017

Inviato 22 giugno 2017 -> Aceto, Eventi, Joško Sirk, La Subida

 

Il nostro Aceto Sirk sarà presente al Fancy Food Show 2017 a New York con il nostro importatore americano Gustiamostand #2756. L’evento, in programma dal 25 al 27 giugno nella Grande Mela, è la più grande manifestazione dedicata alle specialità gastronomiche innovative e di eccellenza nell’America del Nord. Tre giornate imperdibili tra incontri e degustazioni che riuniranno i principali produttori ed operatori del settore, ospitando oltre 25.000 buyer e 2.500 espositori.

 

Risultati immagini per summer fancy food show 2017

 

Scatti di gusto: 3 regole e 100 modi per utilizzare l’aceto di uva di Josko Sirk

Inviato 12 giugno 2017 -> Aceto, Joško Sirk, La Subida, Scrivono di noi


“Josko Sirk, proprietario della Subida, è l’unico produttore di aceto di uva del Friuli Venezia Giulia. Non che siano molti nel resto d’Italia, visto che non superano i 20; però è interessante osservare come proprio in una terra dove l’uva è destinata da secoli alla produzione di vino, sia partito così forte un richiamo d’allarme sulla cultura dell’aceto”.

Così inizia l’articolo che Scatti di Gusto ha dedicato al nostro aceto. Leggi QUI l’articolo completo.


La Cucina Italiana: Aceto e Amici Acidi

Inviato 9 maggio 2016 -> Aceto, Joško Sirk, Scrivono di noi



Su La Cucina Italiana, prestigiosa rivista italiana di cucina, si parla di Aceto e di Amici Acidi, leggete l’articolo con noi!



doc00595720160507104541_001

doc00595820160507104606_001


“Pianeta Italia” alla riscoperta dell’Aceto con cinque Amici

Inviato 14 agosto 2013 -> Aceto, Joško Sirk, La Subida, Scrivono di noi



“Pianeta Italia” va alla riscoperta dell’aceto con cinque amici che di questo strepitoso prodotto ne hanno fatto una vera e propria passione: gli Amici Acidi.

Di seguito alcune pagine tratte dal libro con un particolare focus su Josko Sirk e il suo aceto…


copertina it

itaceto1

itaceto2

Best of Alpeadria: Josko Sirk per gli Amici Acidi su Degusta TV

Inviato 14 giugno 2013 -> Aceto, Joško Sirk, La Subida, Scrivono di noi



Josko Sirk, in qualità di menbro del Gruppo Amici Acidi, racconta le peculiarità e le ragioni che uniscono insieme questo gruppo di produttori di aceto: valorizzare il prodotto aceto come un prodotto di estrema qualità e dignità.



Gli Amici Acidi vi aspettano per un assaggio al Best of Alpe Adria 2013

Inviato 18 maggio 2013 -> Aceto, Eventi, Joško Sirk, La Subida, Per la salute

 

L’associazione culturale Club Magnar Ben, in collaborazione con Ascom Riviera del Brenta e Venezia Opportunità, lancia la kermesse enogastronomica dell’Alpe Adria intitolata “Best of Alpe Adria 2013”, il meglio a tavola e in cucina di Franciacorta, Veneto, Trentino, Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Carinzia e Stiria (Austria), Slovenia occidentale e Istria (Croazia).

Nella splendida cornice di Villa Widman Rezzonico Foscari Mira (VE) – Riviera del Brenta saranno organizzati 100 banchi wine tasting, 30 banchi d’assaggio di produttori agroalimentari, panieri del gusto, show-cooking e tasting con i migliori cuochi, talk show con opinion leader, spettacoli di moda, musica, teatro, presentazione libri sull’Alpe Adria, un caffè letterario e una mostra fotografica di chef.

Presenti anche gli Amici Acidi che vi aspettano lunedì 20 maggio alle ore 11.30 al Laboratorio del gusto per un assaggio dei loro aceti, non mancate!

 

foto (13)

foto (14)

 

Reti d’impresa per competere: l’unione fa la forza degli Amici Acidi

Inviato 2 gennaio 2013 -> Aceto, Joško Sirk, La Subida, Scrivono di noi

 

E’ uno di quei modi di dire quasi fastidiosi. Una di quelle formule di rito che si sentono ripetere un pò ovunque, che mettono d’accordo tutti e…non dicono niente. Eppure ci sono situazioni in cui il concetto di “far rete” assume una connotazione reale, concreta e spesso sorprendente. Sono, infatti, sempre più numerose le case history  che vedono allearsi le imprese in modo nuovo, spesso informale e soprattutto in chiave marketing oriented. E sicuramente il difficile contesto economico degli ultimi anni, con la necessità di ripensare i modelli di business e gli strumenti operativi in nome della razionalizzazione, ha dato un’accelerata a questo fenomeno, accendendo i riflettori sui benefici che ne derivano e che possono essere riassunti in un’altra inossidabile frase fatta: l’unione fa la forza. Eppure, anche in questo caso, la verità è palpabile: fare rete consente di migliorare promozione, distribuzione e innovazione e spesso serve ad andare all’estero con un marchio unico. Certo, il successo non è automatico e dipende molto dalle (giuste) alleanze. Ossia quelle tra aziende di dimensioni diverse e con specializzazioni differenti, meglio se con un’impresa capofila. Questa la ricetta dell’alleanza perfetta contenuta nel secondo Osservatorio-Intesa-Sanpaolo-Mediocredito Italiano sulle reti d’impresa. Eppure guardando alla multiformità delle esperienze in atto in Italia, sembra proprio che, anzichè fermarsi a un monopiatto, la tavola delle partnership si possa arricchire, con successo, di ricette molto differenti.

 

L’unione fa la forza dunque, un prezioso motto fatto tesoro dagli Amici Acidi…

 

Gdo-Week-3

 

L’imperdibile kit degli Amici Acidi

Inviato 29 dicembre 2012 -> Aceto, Joško Sirk, La Subida, Per la salute



Per tutti coloro che amano i sapori autentici,
per tutti coloro che amano coccolare i loro palati con decisione,
per tutti coloro che hanno un carattere forte,
e perchè no…per tutti coloro che vogliono scegliere il regalo giusto…

Arriva l’imperdibile kit degli Amici Acidi!
 

aceto


commenti: 0 » tags: ,

Gli Amici Acidi all’Alma, Scuola Internazionale di cucina italiana

Inviato 6 dicembre 2012 -> Aceto, Eventi, Joško Sirk, La Subida, Per la salute

 

Gli Amici Acidi presenti al Salone del Gusto Internazionale e Terra Madre di Torino 2012

Inviato 29 ottobre 2012 -> Aceto, Eventi, Joško Sirk, La Subida


80.000 mq, 1000 espositori e 150 Paesi al Lingotto di Torino, bastano i numeri per descrivere l’appuntamento gourmand dell’anno. Per la prima volta infatti lo storico appuntamento del Salone del Gusto incontra la manifestazione Terra Madre organizzata da Slow Food, per un unico grande evento che si svolge quest’anno dal 25 al 29 ottobre. Inaugurato dal direttore generale della Fao, Josè Graziano da Silva, questa è davvero una grande occasione per scoprire i sapori più nascosti e particolari della nostra penisola o di terre lontane. “Cibi che cambiano il mondo”, questo il tema-guida dell’edizione che vede chef, artigiani e comunità del cibo insieme per  testimoniare come si possa rivoluzionare  questo  mondo  in  crisi, proprio  a  partire  dal  cibo. Perché fare qualcosa di buono per la nostra salute, l’ambiente e il sistema produttivo è possibile, senza rinunciare al piacere del cibo e alla convivialità.

Laboratori del Gusto e  Incontri con l’Autore per approfondire e assaggiare in compagnia di produttori, chef, vigneron, birrai ed esperti. Teatri del Gusto per osservare da vicino le mani dei cuochi all’opera nel creare i piatti simbolo dei loro ristoranti e coglierne i segreti.  Percorsi educativi per bambini e adulti.  Conferenze  per aprire il dibattito su come stili alimentari responsabili possano migliorare la nostra salute e quella del pianeta. Appuntamenti a Tavola, per fare il giro del mondo restando in Piemonte…una manifestazione unica!

In questo prestigioso contesto internazionale, non potevano certo mancare gli Amici Acidi: l’aceto è vittima di una delle maggiori massificazioni gastronomiche, ma è anche un prodotto di eccellenza quando materia prima, tempo e temperatura sono rispettati. Marco Pojer, Josko Sirk, Andrea Paternoster, Andrea Bezzecchi e Andreas Widmann hanno introdotto il vasto pubblico presente nel mondo dell’agro con i loro aceti (di vino, uva, frutta, miele, birra e balsamico tradizionale di Reggio Emilia), concludendo poi con due piatti, preparati da Ana Ros dell’Hisa Franko di Kobarid e Alessandro Gavagna de La Subida di Cormons.

In abbinamento, un vino del Collio e uno del Brda per sfatare il mito: con l’aceto si può servire altro oltre all’acqua!

 

 

 

Il pubblico del laboratorio su “I grandi aceti artigianali italiani”.
Grande emozione, acetica!

 

 

 

Gli Amici Acidi alla presentazione dell’ Expo 2015 in fiera a Milano

Inviato 15 ottobre 2012 -> Aceto, Eventi, Joško Sirk

 

 

 

Dalla rivista q.b quantobasta FVG, gli AMICI ACIDI tra le novità del mese!

Inviato 8 ottobre 2012 -> Scrivono di noi

Una scheda di valutazione anche per l’aceto

Inviato 27 giugno 2012 -> Aceto, Joško Sirk, La Subida

 

In collaborazione con la scuola di San Michele gli Amici Acidi stanno lavorando per addivenire ed una scheda di valutazione condivisa per l’ assaggio dell’ aceto agro.

 

Benvenuto chi avesse idee da suggerire in merito.

Il piccolo manuale degli Amici Acidi

Inviato 15 giugno 2012 -> Aceto, Joško Sirk, Scrivono di noi

Riportiamo l’articolo pubblicato su www.corriere.it

 

Il piccolo manuale degli Amici Acidi

Così l’aceto guadagna in personalità

 

Cinque produttori: Andrea Bezzecchi, Mario Pojer, Andreas Widmann, Joško Sirk e Andrea Paternoster (seduto sulla cassetta, gli altri in senso orario, nella foto tailorandtailor), i primi quattro specializzati in aceti e l’ultimo nel miele, sono gli «Amici Acidi» . Il loro progetto-missione è quello di divulgare e far crescere l’amore e la passione per un sapore dimenticato e far conoscere l’aceto con la sua storia e la sua versatilità e lo fanno con tre semplici regole: materia prima, tempo e temperatura. La materia prima deve essere di prima qualità e non lo scarto di altre lavorazioni. Il tempo va rispettato con il passare delle stagioni senza forzature meccaniche che altererebbero il prodotto. Infine, non intervenire mai sulla temperatura per rispettare i profumi e gli aromi che attraverso l’ossidazione evolvono e si arricchiscono. Seguendo questi semplici principi gli «Amici Acidi» producono aceto di qualità, ognuno con la propria personalità.

Amici Acidi su l’ Espresso

Inviato 30 maggio 2012 -> Aceto, Joško Sirk, Scrivono di noi

A Sandra Longinotti non solo grazie per l’ articolo ma grazie per aver così ben descritto le ragioni dell’ aceto, “dell’ aceto di qualità – quello nato per far riscoprire il vero gusto dell’ aceto”.

copertina

articolo

Amici Acidi, Corriere della Sera

Inviato 30 marzo 2012 -> Aceto

 

 

Da il Corriere della Sera, lunedi 26 marzo 2012

 

JOSKO SIRK E IL SUO OTTIMO ACETO DI UVA INTERA: UN ACETO “DI … VINO”.

Inviato 24 marzo 2012 -> Scrivono di noi
L’Aceto è una sostanza liquida acida che si ottiene grazie al lavoro di un particolare genere di batteri (acetobacter) che, in presenza di ossigeno, trasformano, con la“fermentazione acetica”, l’etanolo (o alcol etilico) in acido acetico. Questo processo avviene in bevande alcoliche fermentate come il vino e la birra o in sostanze, tra le altre, come il miele, i cereali e la frutta.
Il termine “Aceto” deriva dal termine Latino “Acetum” che, a sua volta, prende dal verbo “acere = inacidire”.
La storia dell’Aceto si perde nella notte dei tempi, se ne trovano tracce già 10.000 anni fa. L’Aceto era conosciuto come conservante per gli alimenti già nell’antico Egitto, nella cultura Babilonese e in quellaPersiana. Gli antichi Greci chiamavano “Oxycrat” una bevanda di uso comune a base di acqua, aceto e miele che veniva usata, nella medicina del tempo, anche come antinfiammatorio. Questo liquido era tenuto in appositi vasi, di argilla (creta) decorati con ossidi o smalti, chiamati“oxydes”.

Romani usavano l’Aceto come bevanda dissetante, una mistura di acqua e aceto che veniva chiamata “Posca”. Sulle loro tavole imbandite non mancava mai “l’acetabolo”, una ciotola piena di aceto dove intingevano il pane per spezzare i vari sapori delle altre vivande e per agevolare la digestione. L’Aceto veniva usato comunemente anche come disinfettante.
Attraverso i secoli l’Aceto è stato usato molto in campi anche molto lontani tra di loro, ma oggi non possiamo far mancare sulle nostre tavole un buon Aceto che ci permette di dare quella gocciolina di straordinario e vivace sapore in più a moltissime vivande.
Un ottimo Aceto è quello di Josko Sirk.
Josko è un grande professionista e insieme a tutta la sua bella Famigliaha costruito, nella piccola Frazione della Subida, nel comune diCormòns (siamo nel cuore del Collio e dei suoi straordinari Vini), inProvincia di Gorizia, un piccolo paradiso dove accoglie e ristora in maniera eccellente tutti i suoi ospiti.
La “Trattoria Al Cacciatore-della Subida” fantastico Ristoranteespressione sincera del territorio e della Cucina Tradizionale, una grande Carta dei Vini, un Locale bello e accogliente, super premiato anche con una “Stella” dalla prestigiosa Guida Michelin. Di questo posto che amo molto e più volte ho visitato, mi riservo di parlare più approfonditamente in altra occasione.
L’Osteria della Subida, praticamente di fronte al Ristorante, dall’altra parte della strada, calda e rustica come un rifugio. Le Casecon gli appartamenti per il soggiorno, belle come quelle delle fiabe e dai nomi riposanti: CountryDel BoscoDell’Acetaia, Della Nonna. Tutte le comodità tra legno, camini, patii, tra vigne e bosco, per godervi la piacevolezza del riposo nella poesia del silenzio. Non mancano piscina, campo da tennis e per chi vuole di più, vicinissimi, il maneggio e il campo da golf.
Josko, oltre a offrire tutto ciò, produce anche VinoOlio e Aceto.
L’Uva Bianca autoctona usata per l’Aceto è una delle migliori del Collio, viene coltivata proprio nella Vigna adiacente all’Acetaia.
L’Acetaia è stata fatta, seguendo la filosofia della natura, completamente in legno, su progetto dell’Architetto Marcus Klaura, si trova ai margini di un bosco di Roverelle (la Quercia più diffusa in Italia). I suoi gradoni, all’interno, favoriscono le fasi di lavorazione, i travasi, dai piccoli tini, scalano dal gradone superiore a quello successivo. Tutto viene eseguito naturalmente senza l’uso di macchinari. L’Aceto è privo di solforosa e conservanti antiossidanti, viene imbottigliato senza filtrazioni.
Le parole di Josko rendono perfettamente chiaro l’intento: “Se è vero, come è vero, che un gran Vino si fa da una grande Uva, da questa grande uva io faccio il mio grande Acetomi ci vuole qualche anno, e in questo tempo devo accudirlo e coccolarlo come un bambino in fasce”.
La bottiglia da 250 ml. è confezionata nel bel tubo di cartone pressato con il depliant illustrativo e il tappo di sughero per il dopo apertura.
Tale e tanto è l’impegno che Josko ha messo nel promuovere l’Aceto che insieme ad altri amici produttori (Mario PojerAndrea Paternoster,Andreas WidmannAcetaia San Giacomo) ha fondato un gruppo dal nome attinente: “Amici Acidi”. Il progetto si fonda su tre regole fondamentali di produzione: Materia prima (di qualità), Tempo (per non alterare le qualità organolettiche), Temperatura (mantenendo solo quella naturale).
Un ottimo Aceto quello di Sirk della Subida, forte, dal bouquet ampio, complesso, di grande struttura, persistente e minerale, decisamente fatto per chi apprezza la qualità. Si consiglia di spruzzarlo e non versarlo sulle vivande.
Bravo Josko Sirk, tra le tante gioie che ci da per deliziare i nostri palati anche questo ottimo Aceto di Uva intera: decisamente un Aceto “Di … Vino”.


http://www.lasubida.it/
http://www.acetosirk.it/
http://www.amiciacidi.it/

PUBBLICATO DA 17:03

Per l’eccesso di dolcezza ci vogliono degli…Amici Acidi, fienileinfermento.com

Inviato 16 febbraio 2012 -> Aceto

Non sto a raccontarvi tutto altrimenti si perde il bello della scoperta… alcune info le trovate qui sotto nel nostro “manifesto” fatto di 3 punti.

Faremo una prima uscita ufficiale ad Identità Golose, a Milano.

La pretesa non è quella di salvare il mondo dall’inesorabile processo di Nutellizzazaione del gusto (ci piacerebbe però!) … vorremmo solo far riscoprire la bellezza e la freschezza dell’acidità. Bellissima in tutte le sue espressioni, tranne quella caratteriale  :-)

Chi sono gli altri amici acidi?

Josko Sirk

Mario Pojer

Andrea Paternoster (e checc’azzecc’ ’sto sdolcinato mielomane con l’aceto … c’azzecc’ c’azzecc’…)

Andreas Widmann

e ovviamente tutti coloro che condividono il nostro (acido)intento! :-)

Stay acid!


 

 Dal sito www.fienileinfermento.com

Identità Golose 2012 | Amici Acidi – Appunti di gola

Inviato 13 febbraio 2012 -> Aceto, Scrivono di noi

Il Bez (Andrea Bezzecchi) è molte cose: oltre venire dalla parte bassa della mia stessa terra è uno dei co-fondatori del MIAU (movimento Indipendente Assaggiatori Underground), una delle più sediziose adunate papillari del millennio. Poi ne sa a pacchi di aceto: non solo quello balsamico (tradizionale e non), ed è un convinto sperimentatore.

Gli Amici Acidi sono in cinque loschi figuri tra cui si riconoscerà anche Mario Pojer, l’alchimista alcoolico di Faedo, che si propongono di promuovere una nuova stagione della dimenticata, amabile acidità.

A IG-ventidodici ha portato la sua linea di aceti-aceti: di quelli che ti fanno spadire i denti (detto profondamente reggiano che descrive con esattezza i cibi molto astringenti). I più strani: dalla birra, dalla mela cotogna. Poi un aceto di vino passato in botti di ginepro, quelle  usate anche per l’ ABTRE (Aceto Balsamico Tradizionale Reggio Emilia), e i due “monovitigno”: il formidabile lambrusco, una vera scossa elettrica nelle gengive, e quello di Timorasso.

L’assaggio degli aceti non è una passeggiata, ma al quinto si può già parlare di esperienza mistica. Di certo la potenza e la complessità degli aromi sprigionati impone una riflessione sull’utilizzo di questo ingrediente.

 

Dal sito www.appuntidigola.it